Il seminario non è solo dei missionari

La vita di un seminario è anche vita di una diocesi e oltre. Essendo il nostro un seminario missionario si sentiva attorno ad esso una passione diffusa, vissuta, una disponibilità a sentirsi uniti con chi donava la vita per l’annuncio del Vangelo.

Lo afferma bene Mons. Mistrorigo nel discorso d’inaugurazione: «Ecco perché oggi è la festa della diocesi intera, oltre che dei missionari del Pime. Noi non saremo cattolici se non saremo missionari. Lo spirito missionario è il termometro infallibile della nostra vita cristiana. Il Signore benedica di più, oggi, per questo, tanto la diocesi che i missionari, che cercano assieme, con buona volontà, un modo nuovo di servire la Chiesa e l’umanità, un modo nuovo per sommare, per moltiplicare le forze, affinché non restino divise. (…)

Il seminario non è solo dei missionari, è anche della diocesi, è per tutta la diocesi: per questo è qui il Vescovo ad inaugurarlo e per questo anche sono qui molti sacerdoti e fedeli e molte autorità cittadine, che ringraziamo della loro presenza. (…)

Il vescovo è dunque qui per prospettare alla diocesi una nuova dimensione missionaria, che ci fa abbracciare tutto il mondo, che crea in noi interessamento per tutti gli uomini. Una dimensione missionaria nuova che ci farà camminare fianco a fianco, in unione di forze e di intenti, con il Pontificio Istituto Missioni Estere, questo antico e glorioso istituto missionario che ci aiuta ad esprimere ed a realizzare la nostra missionarietà diocesana. Il seminario missionario che oggi inauguriamo sia benvoluto da tutti, visitato, aiutato da tutti. Per questo spirito missionario, la diocesi nostra è più completa, più funzionante; tutte le cellule della sua vitalità, tutte le organizzazioni cattoliche saranno così rinnovate da questo spirito nuovo. Sia questo seminario come la semente feconda, che fruttifichi e dia frutti abbondanti per la diocesi, per i missionari del Pime per tutta la Chiesa».