Ibn Battuta alla scoperta dei mille islam

Sul quotidiano “Avvenire” del 7 marzo 2018, Franco Cardini scrive l’articolo L’avventura di Ibn Battuta attraverso l’Oriente alla scoperta dei mille diversi islam. Avvicinandosi le vacanze, il giornalista consiglia di leggere il libro di Follath Al di là dei confini…( Ed. Einaudi) che ripercorre il viaggio di Ibd Battuta indugiando, soprattutto, sulle principali città da lui visitate : Tangeri,  Cairo, Damasco, Mecca, Shiraz, Dubai, Samarcanda, Dehli, Malé, Giacarta, Hangzou, Granada, come le vedeva un avventuriero maghrebino del Trecento che si muoveva nel mondo islamico “come un pesce nell’acqua” ma che talora ci si trovava spaesato e meravigliato; e come le vede oggi un giornalista tedesco in grado di apprezzare quel che di allora è rimasto, e di riflettere su quel che è scomparso e su quel che è mutato. Il giornalista non vuol perdersi in elogi del libro. Raccomanda solo due cose. Primo : leggerlo se si hanno ancora  dei pregiudizi sull’islam: si constaterà quali e quanti islam esistano al mondo, quanto sia sbagliato e ingiusto sentenziare che l’Islam è questo, che pensa quest’altro che vuole quest’altro ancora. Secondo: leggerne ogni sera qualche pagina e decidere anche alla luce dei suoi consigli e delle sue riflessioni la prossima meta di viaggio.