Centenario della morte del Beato Charles de Foucauld

Il primo dicembre 2016 la Chiesa dell’Algeria celebrerà il centenario della morte del beato Charles de Foucauld. Il suo corpo riposa a El Menia.
I vescovi del Paese scrivono: «È dopo il suo ritorno alla fede, che visse un’esistenza segnata dall’imitazione di Gesù Cristo a Nazareth, dalla preghiera e dall’amore verso i poveri. Per vivere la sua vocazione chiese di andare verso i più lontani, prima a Beni Abbes, poi a Tamanrasset. Visse i suoi migliori anni con la passione di privilegiare la relazione fraterna con tutti, la preghiera e lo studio della lingua dei touareg. Il suo desiderio era di essere il “Fratello Universale” ad esempio di Gesù, aperto ad accogliere tutti, di ogni condizione sociale, religiosa e etnica. in questo segnò profondamente non solo la nostra Chiesa in Algeria ma anche tutta la Chiesa universale. Egli continua ad ispirare nel contesto in cui essa vive. Oggi una ventina di famiglie religiose vivono lo stesso spirito, alcune presenti in Algeria. È un vero santo per i nostri tempi. Papa Francesco oggi dice: “Charles de Foucauld capì che non si cresce nell’amore di Dio lasciando il servizio delle relazioni umane, perché è amando gli altri che si impara ad amare Dio. Inchinandosi verso il prossimo, ci si eleva fino a Dio. Sono i poveri che ci evangelizzano, facendoci crescere in umanità”».
Il mio apostolato deve essere quello della bontà.
In questo anno del centenario della morte del beato Charles de Foucauld, possiamo rileggere alcuni suoi testi:
«Il Buon Dio è migliore giudice di noi; noi siamo portati a mettere al primo posto le opere, i cui effetti sono visibili e tangibili; Dio dà il primo posto all’amore e poi al sacrificio ispirato dall’amore e all’obbedienza derivante dall’amore. Il mio apostolato deve essere quello della bontà».
«L’imitazione è figlia, sorella, madre dell’amore: imitiamo Gesù per amarlo di più!».
«La nostra vita si divide tra preghiera e lavoro, ma la prima ha sempre la precedenza sul secondo». «Pensa che devi morire martire, spogliato di tutto, steso per terra, nudo, irriconoscibile, coperto di sangue e ferite, violentemente e dolorosamente ucciso e desidera che questo avvenga subito». «Quando si vuole soffrire ed amare, si può molto, si può il massimo che si possa al mondo».
«Gesù non può stare in un luogo senza risplendere».
«Quanto è misero il nostro corpo che soffre nonostante la santa eucarestia e trova sollievo per un po’ di vigore fisico».
«Il migliore, il vero infinito, la vera pace, sono ai piedi del divin tabernacolo».
«Sono felice della felicità di colui che amo ed il pensiero della sua immutabile pace calma la mia anima».
«Ho un grande fondo di orgoglio. Non tengo conto a sufficienza della presenza di Dio».
«Silenzio di Nazareth, insegnaci a essere fermi nei buoni pensieri, intenti nella vita interiore».